1. Newsroom
  2. Banche centrali pesano sull’oro
Menu
Analisi 15.03.2018

Banche centrali pesano sull’oro

Banche centrali pesano sull’oro

L'oro ha subito una flessione alla fine della scorsa settimana, poiché le tensioni commerciali e geopolitiche sembravano essersi attenuate a seguito dell'annuncio del Presidente Trump.


L'oro ha subito una flessione alla fine della scorsa settimana, poiché le tensioni commerciali e geopolitiche sembravano essersi attenuate a seguito dell'annuncio del Presidente Trump riguardante il fatto che gli alleati, come Canada e Messico, sarebbero stati esentati dalle misure controverse proposte per imporre dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio verso gli Stati Uniti.

Simultaneamente, il dollaro si è rafforzato in seguito alla notizia che il presidente nordcoreano Kim Jong Un e Donald Trump potrebbero incontrarsi entro maggio e che il primo ha promesso di sospendere i test nucleari e missilistici.

Ha pesato sull’oro anche l'ultimo incontro della BCE. Nonostante la banca centrale abbia lasciato invariati i tassi e il suo programma di QE, la BCE ha rimosso la sua forward guidance sul QE, che dichiarava che l’istituto "... è pronto ad aumentare il programma di acquisto di asset in termini di dimensioni e/o durata, se necessario”, ma ha mantenuto una posizione prudente, dichiarando che avrebbe seguito l'evoluzione dell'euro e potrebbe adattare la sua politica, se necessario, ad esempio nel caso di un rafforzamento della valuta comune, che modificherebbe in modo significativo il suo scenario inflazionistico; la forward guidance sui tassi cambierebbe quindi di conseguenza.

Per il momento, l'aumento delle aspettative di un rialzo dei tassi d'interesse statunitensi e dei rendimenti obbligazionari, che a fine febbraio hanno raggiunto i massimi quadriennali, ha pesato sul metallo giallo, soprattutto a seguito degli ultimi forti incrementi dei non-farm payroll. Inoltre, la prova di atteggiamento “falco” di Jerome Powell relativamente a crescita economica e inflazione del 27 febbraio, unitamente alla pubblicazione dei verbali della riunione della Federal Reserve del 30-31 gennaio, hanno mostrato che i membri erano fiduciosi circa la necessità di continuare ad alzare i tassi d'interesse.

Un numero crescente di osservatori prevede la possibilità di quattro aumenti dei tassi d'interesse per quest'anno invece dei tre precedentemente attesi, e questo potrebbe iniziare già in occasione della riunione del FOMC di questo mese (21 marzo). Il mercato dei futures dei Fed fund, tuttavia, prezza ancora solo tre aumenti.

Ci aspettiamo che il prezzo dell'oro continui ad oscillare intorno ai 1.300 dollari

UBP Analisi del mercato

POLLINI_Nevine_UBP_72dpi-0628.jpg

Névine Pollini
Senior commodity analyst

Insight

Navigating wealth succession in Asian families

Wealth succession is complex, emotional and can be costly if not managed properly

Read more

Le news più lette

Analisi 25.07.2019

Navigating wealth succession in Asian families

Wealth succession is complex, emotional and can be costly if not managed properly

Analisi 16.04.2019

A Fresh Look at Japanese Equities

Making the case for Japanese equities

Analisi 11.07.2019

Turning up the fiscal tap

In the prolonged global quantitative easing era, should the fiscal tap be turned up ? With monetary policy having basically run to its limit, fiscal stimulus through modest budget deficit can be sustained for a longer period.

Altro da leggere

Analisi 30.08.2019

Investing in a time of geopolitical uncertainty

Spotlight - Unlike previous cycles, avoiding economic recession no longer ensures markets can avoid falling into bear market territory.

Analisi 29.08.2019

JPY – Sleeping giant is starting to wake

A further decline in USD/JPY to around 100 is expected in the months ahead.

Analisi 28.08.2019

Hong Kong outlook as trade war and protests escalate

The market is probably preparing for even higher tariffs and retaliation measures spreading further into non-tariff, direct economic sanctions.