1. Know-how negli investimenti
  2. Azioni svizzere e globali
Menu
Know-how negli investimenti

Azioni svizzere e globali

Azioni svizzere e globali

Le strategie di UBP nelle azioni svizzere e globali sono gestite all’interno dello stesso team che ha sede a Ginevra e seguono lo stesso approccio d’investimento. Dal momento che le società elvetiche tendono a operare su scala internazionale, nella gestione delle azioni svizzere è importante avere una visione globale e conoscere bene la struttura competitiva dei mercati di tutto il mondo.



La Svizzera e gli Stati Uniti offrono i livelli più elevati di Cash Flow Returns on Investment (CFROI) per i mercati azionari. Il CFROI è l’indicatore finanziario più appropriato per consentire a un investitore di misurare la creazione di valore di una società. Il team d’investimento nelle azioni svizzere e globali cerca società sottovalutate lungo il ciclo di vita del CFROI della società, formando convinzioni mediante l’analisi bottom-up delle società e del contesto in cui operano.

Opportunità

  • Il team prevede che i mercati rimangano volatili nel 2019 di fronte alle aspettative di frenata della crescita mondiale e di revisione al ribasso degli utili.
  • Il team si attende una crescita positiva a livello globale per il 2019, con un incremento del 6% circa dell’utile per azione e del 3% circa del rendimento dei dividendi, da cui potrebbe scaturire una performance dei mercati prossima al 9%.
  • L’investimento attivo in azioni svizzere e globali mediante la selezione bottom-up offre agli investitori la possibilità di partecipare alla creazione di valore generata da società coinvolte nelle opportunità di crescita globale.
  • Anche nelle fasi di frenata della crescita globale, le singole società possono rappresentare interessanti opportunità d’investimento a livello assoluto e relativo, poiché sono spesso in grado di migliorare i risultati operativi, quindi implicano un rischio limitato di revisione al ribasso degli utili.
  • Il mercato azionario svizzero continua a fornire rendimenti rettificati per il rischio più elevati rispetto all’MSCI AC World negli ultimi 20 anni.
  • Il team conferma la sua opinione positiva sul mercato azionario svizzero per il 2019. Le azioni svizzere sono leader in settori di nicchia e/o offrono prodotti e tecnologie di fondamentale importanza; ciò continua a offrire protezione rispetto ai timori di frenata della crescita e alla debolezza dell’Europa.

Filosofia e processo d’investimento

  • I livelli e l’andamento del CFROI sono validi indicatori della capacità di una società di creare valore per gli investitori e riflettono bene il processo decisionale dei suoi vertici.
  • Le imprese tendono a seguire un simile ciclo di vita della redditività, riflessa nei corrispondenti livelli di CFROI, il che consente un confronto tra le imprese nei vari settori e paesi.
  • Scegliendo di seguire l’approccio d’investimento attuato dal team di UBP per le azioni svizzere e globali, un investitore potrà accedere alle società che, secondo il team, offrono livelli superiori di CFROI elevati e stabili con esposizioni geografiche e settoriali ben diversificate.
  • Il solido track-record che il team ottiene da diversi anni nella selezione bottom-up delle azioni dimostra la forza di questo processo d’investimento in diverse condizioni di mercato sul medio termine.
  • La selezione attiva delle azioni spiega gran parte degli extra rendimenti...
  • ... ma è importante gestire il grado di rischio attivo. La gestione attiva del tracking error del portafoglio fa parte dell’approccio del team nei confronti della costruzione e del rischio del portafoglio.

Gamma di prodotti

  • Swiss Equity
  • Swiss Small & Mid Cap Equity
  • Swiss Small & Mid Cap Equity
  • Global Equity
  • 30 Global Leaders Equity
  • Global Tech Leaders Equity

swissandglobalgrpha_poursiteIT.jpg

*Ciclo di vita del CFROI

Durante il ciclo di vita tipico di un’impresa, la sua attività genera livelli variabili di Cash Flow Return on Investment (CFROI) che ne riflette la fase di sviluppo: crescita, maturità o declino. I CFROI più elevati tendono a decrescere fino al costo del capitale (CoC), poiché la creazione di valore attira la concorrenza, mentre i rendimenti mediocri possono salire al costo del capitale come risultato delle ristrutturazioni o dell’uscita dal mercato di concorrenti. Il team cerca di identificare imprese con CFROI costanti ed elevati che creano regolarmente valore nel lungo termine, ma non sono state ancora considerate dal mercato, oppure risanamenti di aziende sottovalutate e aziende che stanno vivendo un’accelerazione della crescita e possono non essere pienamente apprezzate in termini di ampiezza e durata della differenza, sempre maggiore, tra CFROI e CoC.

Co-Head Swiss & Global Equity Portfolio Management

Eleanor Taylor Jolidon

Si occupa di finanza dal 1993 e dal 2004 si è specializzata nell’analisi e nella gestione di azioni svizzere e globali. Ha conseguito un Master al Trinity College di Cambridge e un Diplôme en Hautes Etudes Européennes (DHEE) al College of Europe di Natolin.

maggiori informazioni

Per saperne di più sugli Azioni svizzere e globali

Mettetevi in contatto con i nostri esperti

Contattateci
Co-Head Swiss & Global Equity Portfolio Management

Martin Moeller

È arrivato in UBP nel 2006 dopo aver lavorato per 14 anni alla Deutsche Bank, dove si è occupato di ricerca azionaria e gestione di portafogli. Ha conseguito un Master in scienze bancarie e finanziarie alla Frankfurt School of Finance & Management e un diploma CFA. Inoltre, è autore del volume Strategic Concepts of Universal Banks, pubblicato nel 2000.

Più

Clienti istituzionali

Con i suoi oltre 200 professionisti, UBP Asset Management ha costruito una presenza locale sui principali mercati mondiali grazie a una crescita organica e selezionate partnership.

La nostra gamma di fondi

Fondi

Scoprite tutti i nostri fondi.

Analisi 13.03.2019

Key questions from the road

Spotlight - Having spent the first two months of 2019 travelling to see clients across Asia, the Middle East and Europe concern among clients remains and is surprisingly consistent across regions of the world despite one of the strongest rallies in global equities to start a year in the past 30 years. We address the three most asked questions.