1. Newsroom
  2. Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido
Menu
UBP in the press 03.09.2018

Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido

Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido

Invice - Poiché è probabile che quest'anno la BCE concluda il suo programma di acquisto di asset e che la Federal Reserve riporti gradualmente il suo bilancio a livelli normali, la pressione sui mercati del credito, abituati negli ultimi dieci anni a politiche molto accomodanti da parte delle banche centrali, aumenta.


Gli sviluppi, uniti ai timori di una guerra commerciale fra USA e Cina e alla prossima legge finanziaria italiana, hanno portato gli investitori ad assumere una posizione sempre più prudente, rendendo più costoso e difficile abbandonare posizioni obbligazionarie di grandi dimensioni sul mercato della liquidità. Quando la liquidità viene ridotta, i differenziali fra i prezzi bid e ask tendono ad ampliarsi e diventa più difficile lasciare posizioni in caso di picchi di volatilità. Questo pericoloso circolo vizioso tra liquidità e volatilità può avere gravi conseguenze per le dinamiche di mercato, come nel caso del sell-off dei BTP in maggio. Per le strategie macro-driven, essere investiti in asset liquidi dovrebbe essere una caratteristica chiave in quanto consentirebbe di rispondere rapidamente e in modo economicamente efficace ai cambiamenti nelle prospettive, in un contesto in cui qualsiasi ritardo o costo legato agli scambi potrebbe essere dannoso per la performance.

Con il peggioramento della liquidità sui mercati del credito, gli investitori dovranno certamente essere più agili, soprattutto quando si profilano situazioni di pericolo. Nell'ultimo trimestre si sono intensificate le pressioni su quei settori del mercato obbligazionario che hanno beneficiato maggiormente dell'allentamento quantitativo e della "ricerca del rendimento" e che sono considerati maggiormente esposti ai deflussi con il cambio di sentiment. Questo si è manifestato nella fuga dai bond emergenti e da quelli dell’Eurozona, in particolare quelli italiani, che hanno visto lo spread con i bund tedeschi allargarsi fino a raggiungere il livello più alto dal 2013.

In questo contesto, può riverlarsi fondamentale essere in grado di rispondere molto rapidamente alle dinamiche del mercato e ai nuovi sviluppi, e fortunatamente per quei fondi con la possibilità di accedere a strumenti più sofisticati, ci sono una serie di soluzioni che permettono di ottenere rapidamente una esposizione al reddito fisso.

Alcuni derivati, come gli indici CDS e i futures obbligazionari, hanno una serie di qualità che possono consentire loro di essere un'alternativa appropriata alle obbligazioni. In questo contesto, l'attributo più importante è la loro capacità di acquisire esposizione con una liquidità molto maggiore; inoltre questi strumenti consentono anche al gestore del fondo di uscire da una posizione più rapidamente, con costi inferiori e volumi maggiori. Ciò è particolarmente importante per coloro che cercano di gestire il rischio in modo più attivo, soprattutto per coloro che hanno un approccio top-down agli investimenti a reddito fisso, piuttosto che uno bottom-up. Inoltre, gli indici CDS hanno il vantaggio aggiuntivo di vedere effettivamente aumentare la liquidità durante i periodi di stress del mercato, mentre possono anche offrire opportunità di valore relativo rispetto ai cash bond. Questo elemento li rende particolarmente interessanti in questa fase, dato che il mercato obbligazionario ha beneficiato di significativi flussi in entrata che hanno ridotto i prezzi dei cash bond, flussi che ora sono a rischio di inversione di tendenza a causa della fine del QE.

Indipendentemente dalla capacità dei fondi di trovare soluzioni a questi problemi strutturali del mercato, è un fatto che l'illiquidità sia destinata a durare. Il sostegno delle banche centrali ai mercati finanziari ha chiaramente raggiunto il suo apice e ora gli istituti puntano a normalizzare sia i tassi che i bilanci mentre la crescita è ancora robusta. Ciò significa che in un modo o nell'altro gli investitori dovranno trovare una soluzione al problema.


Kazmi-Mohammed-150x150px.jpg

Mohammed Kazmi
Portfolio Manager, Macro Strategist

Asset class

Japanese equities

Why the current outlook makes a compelling case for Japanese equities

Watch the videos

Le news più lette

UBP in the press 02.04.2019

Zurich: a nerve centre for UBP

Le Temps (29.03.2019) - UBP, which acquired Coutts exactly four years ago, has doubled the amount of assets it manages in Zurich to CHF 25 billion in five years. We spoke to Adrian Künzi, who has headed UBP’s local branch for the last year.

UBP in the press 05.11.2018

Commodities outlook in a volatile market environment

Agefi Indices (23.10.2018) - With the exception of oil, the commodity complex as a whole has been struggling since the beginning of the year on concerns about the escalation of the US–China trade war and a stronger US dollar.

UBP in the press 02.11.2018

European small and mid-caps: lower valuations, attractive prospects

Agefi (29.10.2018) - Investors have been increasingly risk-averse since the start of 2018. However, there are still many opportunities in the small & mid-cap segment, where expected earnings growth remains attractive.


Altro da leggere

UBP in the press 10.04.2019

Asset TV Fund Selector: Asia

Cedric Le Berre, Fund Selector & Portfolio Manager at UBP, recently took part in an Asset TV broadcast making the case for Asian equities.

UBP in the press 09.04.2019

Factoring in ESG criteria in Japan

Bilan (03.2019) - There are many aspects of Japanese culture that emphasise harmony in terms of people’s relationships with nature and society.

UBP in the press 03.04.2019

Taking on more credit risk

Option Finance (21.03.2019) - With economic growth returning to normal, the end of central-bank monetary tightening and an upturn in volatility, bond management could benefit from three main approaches: gradually taking on more credit risk, increasing duration, and seeking liquidity.