1. Newsroom
  2. Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido
Menu
UBP in the press 03.09.2018

Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido

Come affrontare un mercato obbligazionario globale sempre più illiquido

Invice - Poiché è probabile che quest'anno la BCE concluda il suo programma di acquisto di asset e che la Federal Reserve riporti gradualmente il suo bilancio a livelli normali, la pressione sui mercati del credito, abituati negli ultimi dieci anni a politiche molto accomodanti da parte delle banche centrali, aumenta.


Gli sviluppi, uniti ai timori di una guerra commerciale fra USA e Cina e alla prossima legge finanziaria italiana, hanno portato gli investitori ad assumere una posizione sempre più prudente, rendendo più costoso e difficile abbandonare posizioni obbligazionarie di grandi dimensioni sul mercato della liquidità. Quando la liquidità viene ridotta, i differenziali fra i prezzi bid e ask tendono ad ampliarsi e diventa più difficile lasciare posizioni in caso di picchi di volatilità. Questo pericoloso circolo vizioso tra liquidità e volatilità può avere gravi conseguenze per le dinamiche di mercato, come nel caso del sell-off dei BTP in maggio. Per le strategie macro-driven, essere investiti in asset liquidi dovrebbe essere una caratteristica chiave in quanto consentirebbe di rispondere rapidamente e in modo economicamente efficace ai cambiamenti nelle prospettive, in un contesto in cui qualsiasi ritardo o costo legato agli scambi potrebbe essere dannoso per la performance.

Con il peggioramento della liquidità sui mercati del credito, gli investitori dovranno certamente essere più agili, soprattutto quando si profilano situazioni di pericolo. Nell'ultimo trimestre si sono intensificate le pressioni su quei settori del mercato obbligazionario che hanno beneficiato maggiormente dell'allentamento quantitativo e della "ricerca del rendimento" e che sono considerati maggiormente esposti ai deflussi con il cambio di sentiment. Questo si è manifestato nella fuga dai bond emergenti e da quelli dell’Eurozona, in particolare quelli italiani, che hanno visto lo spread con i bund tedeschi allargarsi fino a raggiungere il livello più alto dal 2013.

In questo contesto, può riverlarsi fondamentale essere in grado di rispondere molto rapidamente alle dinamiche del mercato e ai nuovi sviluppi, e fortunatamente per quei fondi con la possibilità di accedere a strumenti più sofisticati, ci sono una serie di soluzioni che permettono di ottenere rapidamente una esposizione al reddito fisso.

Alcuni derivati, come gli indici CDS e i futures obbligazionari, hanno una serie di qualità che possono consentire loro di essere un'alternativa appropriata alle obbligazioni. In questo contesto, l'attributo più importante è la loro capacità di acquisire esposizione con una liquidità molto maggiore; inoltre questi strumenti consentono anche al gestore del fondo di uscire da una posizione più rapidamente, con costi inferiori e volumi maggiori. Ciò è particolarmente importante per coloro che cercano di gestire il rischio in modo più attivo, soprattutto per coloro che hanno un approccio top-down agli investimenti a reddito fisso, piuttosto che uno bottom-up. Inoltre, gli indici CDS hanno il vantaggio aggiuntivo di vedere effettivamente aumentare la liquidità durante i periodi di stress del mercato, mentre possono anche offrire opportunità di valore relativo rispetto ai cash bond. Questo elemento li rende particolarmente interessanti in questa fase, dato che il mercato obbligazionario ha beneficiato di significativi flussi in entrata che hanno ridotto i prezzi dei cash bond, flussi che ora sono a rischio di inversione di tendenza a causa della fine del QE.

Indipendentemente dalla capacità dei fondi di trovare soluzioni a questi problemi strutturali del mercato, è un fatto che l'illiquidità sia destinata a durare. Il sostegno delle banche centrali ai mercati finanziari ha chiaramente raggiunto il suo apice e ora gli istituti puntano a normalizzare sia i tassi che i bilanci mentre la crescita è ancora robusta. Ciò significa che in un modo o nell'altro gli investitori dovranno trovare una soluzione al problema.


Kazmi-Mohammed-150x150px.jpg

Mohammed Kazmi
Portfolio Manager, Macro Strategist

Expertise

Impact investing - Contributing to a more sustainable future

What are the key features of impact investing?

Read more

Le news più lette

UBP in the press 04.01.2021

The rise of UBP’s impact strategy

Funds Society (14.12.2020) - The first strategy in UBP's impact investing platform, Positive Impact Equity, has been going from strength to strength since its inception. Impact investing specialist Yvan Delaplace details the strategy’s investment process and broader sustainability trends in the sector.

UBP in the press 29.01.2021

Fixed income outlook: Positive environment for credit

Institutional Money (27.01.2021) - Despite an accelerating Covid-19 spread into year-end, risk markets concluded 2020 on a strong note as investors took confidence from the commencement of the vaccine rollout in the US and UK. 

UBP in the press 03.02.2021

Compelling opportunities in Japanese small-cap techs

Funds Society (28.01.2021) - An improvement in corporate governance, a stable government and a leading edge in digitalisation and robotics are making the Japanese small-cap segment a rich source of attractive opportunities for selective investors, says UBP Senior Analyst Cédric Le Berre.


Altro da leggere

UBP in the press 18.06.2021

Embracing China 3.0

Citywire Asia (15.06.2021) –  How Michael Blake doubled UBP’s asset base in Asia in five years, and where he sees China heading next.

UBP in the press 17.06.2021

Asset TV Fund Selector: Environmental Impact

Environmental impact investing in equities has moved from a niche strategy to the mainstream in recent years. But what exactly are environmental equities, their current valuations and the opportunities available in this sector?

UBP in the press 14.06.2021

Europe to lead the next leg of the global growth recovery

Institutional Money (04.06.2021) - Having trailed other regions in the recovery post-Covid, we now expect Europe to outperform as a number of key factors pivot in the continent’s favour. This bodes well for European credit and in particular higher-income segments, such as high yield and AT1s.