1. Newsroom
  2. Risultati annuali 2018
Menu
Comunicati stampa 17.01.2019

Risultati annuali 2018

Risultati annuali 2018

Union Bancaire Privée annuncia un utile netto di 202,4 milioni di franchi e una raccolta netta superiore al 5%


  • L’utile netto ha raggiunto 202,4 milioni di franchi a fine 2018 (209,4 milioni se si escludono i fattori non ricorrenti legati alle acquisizioni), rispetto ai 220,4 milioni dello scorso anno.
  • La raccolta netta ammonta a 7,3 miliardi di franchi (pari al 5,8% degli attivi), di cui 4,7 miliardi di net new money e 2,6 miliardi imputabili all’incorporazione di ACPI.
  • Il patrimonio in gestione è salito a 126,8 miliardi di franchi, con un progresso annuo dell’1,2% (125,3 miliardi a fine 2017), in un contesto sfavorevole ai mercati dei titoli e a quello valutario.

Un anno contrassegnato dall’importante crescita dei patrimoni della clientela e dall’acquisizione di ACPI a Londra

La raccolta netta ammonta a 7,3 miliardi di franchi a fine 2018, di cui 4,7 miliardi di net new money, provenienti in pari misura da clienti privati e clienti istituzionali, e 2,6 miliardi derivanti dall’acquisizione di ACPI, conclusa a fine anno. Questa crescita ha permesso di compensare gli effetti negativi dei mercati dei titoli e di quelli valutari e, in particolare, l’apprezzamento del franco svizzero sull’euro (-1,2 miliardi di franchi). Il patrimonio in gestione ha raggiunto 126,8 miliardi di franchi, pari a un progresso dell’1,2% rispetto alla fine del 2017.

I ricavi sono saliti dell’1,6% a 1,06 miliardi di franchi. Il margine da interessi ha registrato un netto rialzo (+8,2%) mentre la frenata delle commissioni di borsa (-16%) imputabile al modesto volume di operazioni nel secondo trimestre è stata compensata dall’aumento dei ricavi sulle commissioni di gestione e di consulenza (advisory). La quota dei clienti che hanno affidato alla Banca la gestione del loro patrimonio sotto forma di mandati o di fondi supera ormai il 60%.

I costi d’esercizio sono saliti a 698 milioni di franchi a fine 2018, rispetto ai 673,1 milioni di fine 2017. Il loro aumento, che rimane comunque sotto controllo (+3,7%), è ascrivibile principalmente alle spese non ricorrenti (7,2 milioni di franchi), legate all’acquisizione di ACPI a Londra e della Banque Carnegie Luxembourg (che sarà effettiva a fine gennaio del 2019), e alle assunzioni di specialisti in Asia e in Medio Oriente. Inoltre, sono stati realizzati importanti investimenti nell’ambito del digitale e dell’IT: UBP ha, tra l’altro, stipulato una partnership con IBM per lo sviluppo e la manutenzione della sua piattaforma informatica.

Il risultato operativo al lordo degli accantonamenti ha così raggiunto 257,5 milioni di franchi a fine 2018 (rispetto a 271,2 milioni di fine 2017) e l’utile netto si è attestato a 202,4 milioni di franchi rispetto a 220,4 milioni dell'esercizio precedente, con un calo dell’8,2% (5,2% se si escludono i fattori non ricorrenti). Il cost/income ratio si è collocato sul 65,8% (64,4% a fine 2017).

«In un contesto contrassegnato dalla frenata dei mercati e da una netta contrazione delle operazioni della clientela, UBP ha continuato a investire nel rafforzamento della sua offerta e della sua organizzazione. L’acquisizione di ACPI e della Banque Carnegie ci consente ora di accelerare la crescita in Europa e il reclutamento di nuovi team in Asia e in Medio Oriente riflette le nostre ambizioni su questi mercati che rivestono un’importanza prioritaria per la Banca.»

«La crescita della raccolta netta registrata nell’anno in esame premia il lavoro svolto dai nostri team per rispondere alle aspettative della clientela alla ricerca di soluzioni individuali e innovative»

dichiara Guy de Picciotto, CEO di UBP.

Fondamentali solidi

Il totale di bilancio è stabile e ha raggiunto 32,6 miliardi di franchi (32 miliardi a fine 2017) e l’indice di capitalizzazione Tier 1, che si attesta al 26,6%, rimane ampiamente al di sopra del requisito minimo di Basilea III e della FINMA. Questa prudente gestione del bilancio fa di UBP una delle banche meglio capitalizzate e più solide in Svizzera, come confermato dal recente conferimento del rating Aa2 («long-term Aa2 deposit rating») da parte dell’agenzia Moody’s. UBP può quindi contare sulla solidità necessaria allo sviluppo delle sue attività in Svizzera e a livello internazionale.

Risultati 2018

Asset class

Japanese equities

Why the current outlook makes a compelling case for Japanese equities

Watch the videos

Le news più lette

Comunicati stampa 04.03.2019

UBP ottiene la licenza di banca «wholesale» a Singapore

La filiale di Singapore di Union Bancaire Privée, UBP SA (UBP), UBP Singapore, ha ricevuto oggi l'approvazione regolamentare dalla Monetary Authority of Singapore (MAS) per la licenza di banca «wholesale». UBP Singapore prevede di entrare in attività come banca «wholesale» a partire dal 1° aprile 2019.
Comunicati stampa 19.03.2019

A new credit long/short strategy on our alternative UCITS platform

Union Bancaire Privée, UBP SA (“UBP”) is launching a new credit long/short strategy on its alternative UCITS platform in partnership with New York-based alternative investment manager Global Credit Advisers, LLC (“GCA”).


Altro da leggere

Comunicati stampa 19.03.2019

A new credit long/short strategy on our alternative UCITS platform

Union Bancaire Privée, UBP SA (“UBP”) is launching a new credit long/short strategy on its alternative UCITS platform in partnership with New York-based alternative investment manager Global Credit Advisers, LLC (“GCA”).

Comunicati stampa 04.03.2019

UBP ottiene la licenza di banca «wholesale» a Singapore

La filiale di Singapore di Union Bancaire Privée, UBP SA (UBP), UBP Singapore, ha ricevuto oggi l'approvazione regolamentare dalla Monetary Authority of Singapore (MAS) per la licenza di banca «wholesale». UBP Singapore prevede di entrare in attività come banca «wholesale» a partire dal 1° aprile 2019.
Comunicati stampa 17.10.2018

UBP lancia una strategia azionaria «Positive Impact Equity»

Union Bancaire Privée ha annunciato di avere arricchito la sua gamma di soluzioni d’investimento sul mercato azionario con la nuova strategia «Positive Impact Equity». La Banca testimonia così il suo impegno a favore degli investimenti responsabili e risponde alla crescente domanda da parte dei clienti di investimenti che combinino aspetti etici e performance.