1. Newsroom
  2. Oro, partenza sprint a inizio 2018, ma la stabilizzazione è dietro l’angolo
Menu
Analisi 10.01.2018

Oro, partenza sprint a inizio 2018, ma la stabilizzazione è dietro l’angolo

Oro, partenza sprint a inizio 2018, ma la stabilizzazione è dietro l’angolo

L’oro ha aperto il 2018 facendo i fuochi d’artificio, toccando i massimi da metà settembre 2017.


L’oro ha aperto il 2018 facendo i fuochi d’artificio, toccando i massimi da metà settembre 2017, alimentato da vari fattori: le costanti tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Corea del Nord, la decisione del presidente statunitense, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e le conseguenti tensioni nel mondo islamico e, più recentemente, la minaccia di una crisi politica ed economica in Iran. Questi eventi destabilizzanti hanno spinto gli investitori preoccupati a cercare sicurezza nell'oro, anche se il suo status di copertura contro le turbolenze geopolitiche non si è rivelato molto affidabile negli ultimi tempi. Ciononostante, l’oro rimane comunque il bene rifugio più sicuro se una di queste situazioni dovesse dar luogo a una crisi vera e propria. Ulteriori e più probabili fattori di supporto al rally dell'oro sono stati il recente calo del dollaro ai minimi in tre mesi e l'appiattimento della curva dei rendimenti.

Stranamente, l'oro ha iniziato la scalata a metà dicembre, appena dopo il terzo rialzo dei tassi d’interesse del 2017 da parte della Fed, mentre il rendimento dei titoli di Stato decennali Usa provava ad avvicinarsi al 2,5%. Ciò non solo era indice di una crescita economica globale continua e sincronizzata, ma indicava anche che il disegno di legge sulla riforma fiscale da poco approvato poteva dare nei prossimi anni un ulteriore slancio all'economia e all'inflazione americana. I rendimenti più elevati sono stati sostenuti anche dalla prospettiva di un aumento del debito per finanziare la riforma fiscale, che, secondo il Congressional Budget Office, incrementerebbe il rapporto disavanzo/Pil dal 3,5% nel 2018 al 5,5% nel 2020.

Le minute della riunione del 12-13 dicembre del FOMC, hanno confermato che la maggior parte dei membri del Comitato rimane ottimista sull'andamento dell’economia statunitense e mantiene "un approccio graduale per alzare gli obiettivi di riferimento”. Nel 2018, la Fed dovrebbe continuare a ridurre il proprio bilancio e procedere con tre rialzi dei tassi, come attualmente previsto dal dot plot.

Tuttavia, alcuni membri del FOMC hanno espresso preoccupazione per i rischi legati ad un ritmo più rapido di rialzo dei tassi d’interesse, tra cui ad esempio "la possibilità che le pressioni inflazionistiche crescano eccessivamente se la produzione aumentasse ben oltre il massimo livello sostenibile". Ciò potrebbe avvenire a seguito di stimoli fiscali (il piano di riforma dovrebbe infatti incoraggiare consumi e investimenti) o essere reso più probabile dalle condizioni favorevoli ancora predominanti sui mercati finanziari.

Per tutti questi motivi manteniamo un atteggiamento molto cauto nei confronti dell'oro, visto che riteniamo che il suo andamento verrà trainato soprattutto dal ciclo di irrigidimento della Fed e dal suo conseguente impatto sul dollaro. Ultimamente le tensioni geopolitiche e l’andamento incerto delle cripto-valute, a cui si sono aggiunti i tradizionali acquisti in Cina prima del Capodanno Lunare, hanno sostenuto l'oro come bene rifugio. Nel più lungo termine, tuttavia, siamo convinti che l'oro si stabilizzi in una fascia compresa tra i 1.100 e i 1.350 dollari, con un rialzo limitato nei prossimi anni.

UBP Investment Expertise

POLLINI_Nevine_UBP_72dpi-0628.jpg

Névine Pollini
Equity Analyst

 

Expertise

Swiss & Global Equities

Why Swiss equities now? This market offers equity investors the stability and agility they need to navigate this volatile period. 

Read more
Expertise

European Equities

European equities offer unrivalled opportunities in terms of breadth of sector and market exposure.

Read more

Le news più lette

Analisi 01.10.2020

COVID-19: UBP vi terrà aggiornati

Dalla comparsa del coronavirus, UBP accompagna e sostiene i suoi clienti nel contesto inedito di questa crisi sanitaria mondiale. La Banca vi aggiorna regolarmente sull’adeguamento dei suoi piani alle regole precauzionali fissate dalle autorità e condivide con voi le più aggiornate analisi dei suoi esperti sulle conseguenze della pandemia per l’economia mondiale e i mercati finanziari.

Analisi 24.11.2020

Hidden gems in Swiss & European small caps

Small and mid caps have traditionally recorded higher growth rates and investment returns over the long term than large caps: it is easier to generate a dynamic growth rate from a smaller base. Swiss and European small and medium-sized capitalisations – so-called ‘SMID caps’ – also tend to provide investors with ‘pure play’ exposure to major secular growth trends.

Analisi 17.12.2020

UBP Investment Outlook 2021

Il mondo nuovo

Altro da leggere

Analisi 27.01.2021

From Paris to Glasgow: the return of the US to the climate fight

President Joe Biden has taken the US back into the Paris Agreement framework. While time has been lost, CO2 emissions are down over the last five years and the new US administration will push climate action up the agenda and build upon policies already enacted by corporates and at state and local levels. 

Analisi 25.01.2021

DCEP may play a key part in China’s long-term economic transition

China’s Digital Currency Electronic Payment (DCEP) could launch as soon as 2022, with a series of pilots already in place to test its use in basic services, e-commerce and cross-border payments.

Analisi 21.01.2021

Vaccines: Israel and the UAE show the way forward

With vaccines to combat the global pandemic being rolled out beginning in late-December, Israel and the United Arab Emirates (UAE) have led the world in vaccinating their populations, having reached > 20% coverage by mid-January.