1. Avvertenze legali
  2. Informativa in materia di sostenibilità
Menu

Avvertenze legali

Per facilitare il conseguimento degli ambiziosi obiettivi sul clima e sull’energia che l’Unione europea si è prefissa, la Commissione europea ha pubblicato, tra l’altro, un regolamento sull’informativa in materia di investimenti sostenibili e rischi per la sostenibilità (SFDR).

Rischi per la sostenibilità

I rischi per la sostenibilità sono costituiti da eventi o condizioni ambientali, sociali o di governance (ESG) il cui verificarsi potrebbe avere un impatto reale o potenziale significativamente negativo sul valore di un investimento. Nel fornire una consulenza in materia di investimenti, UBP considera e accerta tutti i rischi finanziari rilevanti, tra cui quelli per la sostenibilità. Maggiori dettagli sulla gestione dei rischi per la sostenibilità presso UBP sono pubblicati qui: «Quadro dei rischi per la sostenibilità».

Politica di remunerazione per la sostenibilità

Al fine di assicurare che questi rischi, e le opportunità legate alla sostenibilità, siano tenuti in considerazione da tutte le nostre linee operative, la struttura delle remunerazioni adottata da UBP scoraggia l’assunzione di rischi eccessivi relativi alla sostenibilità ed è collegata alla performance rettificata per il rischio. Parallelamente incoraggia lo sviluppo di pratiche d’investimento responsabili e sostenibili. Il nostro obiettivo al riguardo consiste nel fornire una maggiore trasparenza, in termini qualitativi o quantitativi, su questi fattori e promuovere pratiche di sostenibilità e una gestione dei rischi per la sostenibilità che siano fondate ed efficaci.

Il Comitato esecutivo di UBP ha dunque stabilito una serie di indicatori chiave di prestazione (KPI) per la sostenibilità che puntano a promuovere gli investimenti responsabili e la responsabilità sociale d’impresa (CSR). La remunerazione del Comitato esecutivo dipende, tra gli altri fattori, dal conseguimento di questi KPI. Analogamente, la remunerazione di tutti i membri del Comitato per gli investimenti responsabili e del Comitato per la responsabilità sociale d’impresa è collegata ai successi ottenuti nell’attuazione delle politiche di UBP per gli investimenti responsabili e la CSR definite dal Comitato esecutivo.

Inoltre, tutti i nostri professionisti degli investimenti, consulenti e agenti istituzionali devono adempiere l’obiettivo di sostenibilità, che consiste nell’integrare progressivamente la sostenibilità nelle loro attività. Ciò significa, per esempio, seguire la politica d’investimento responsabile di UBP, migliorare progressivamente le caratteristiche ESG dei portafogli gestiti, promuovere soluzioni sostenibili tra i nostri clienti istituzionali e includere gli aspetti della sostenibilità nello sviluppo di nuovi prodotti. La remunerazione variabile annua di questi membri dell’organico è influenzata dal raggiungimento dell’obiettivo.

Principali effetti negativi

UBP è consapevole che l’industria finanziaria ha la responsabilità di limitare gli effetti negativi per la sostenibilità che possono scaturire dalle decisioni d’investimento.

In conformità con le raccomandazioni formulate nel Regolamento (UE) 2019/2088 relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari (SFDR), le entità di UBP con sede in Europa* monitorano e gestiscono gli effetti negativi che i loro investimenti hanno sull’ambiente (p. es. in termini di emissioni di gas serra e biodiversità) e sulla società (tra cui le problematiche sociali e concernenti il personale, il rispetto dei diritti umani, le questioni relative alla lotta alla corruzione attiva e passiva), inclusi i 18 principali effetti negativi definiti dal regolamento, nonché altri potenziali effetti negativi che possono essere ritenuti significativi.

Per la gestione di questi effetti negativi UBP si basa sulla sua politica di investimento responsabile, che indica, per esempio, l’esclusione di tutte le società coinvolte in attività con armi controverse nonché di quelle che estraggono carbone e producono tabacco (si applicano soglie di reddito).

Sul fronte delle problematiche sociali e dei diritti umani, UBP monitora l’esposizione nelle società che violano le norme internazionali e opera sistematicamente nell’ottica di un azionariato attivo tramite un fornitore terzo di servizi.

Anche il nostro approccio nei confronti della biodiversità intende aiutare i team d’investimento a identificare e gestire il potenziale impatto dei loro investimenti sui servizi ecosistemici forniti dalla natura.

Inoltre, abbiamo sviluppato una gamma di prodotti sostenibili e di impact investing che ottempera a criteri ancora più rigorosi per ridurre l’esposizione nei confronti di attività potenzialmente dannose per l’ambiente o corresponsabili del cambiamento climatico, attribuendo la priorità a società con solide pratiche ESG o a quelle che propongono soluzioni alle sfide ambientali e sociali.

Le grandi sfide mondiali impongono a governi, investitori, imprese, ONG, mondo accademico e settore finanziario di lavorare insieme. Ecco perché UBP ha sottoscritto, sostiene o collabora con tutta una serie di iniziative e associazioni globali e locali, tra cui i Principi delle Nazioni Unite per l’investimento responsabile (UN PRI) e il Global Compact dell’ONU (UNGC).

UBP si impegna anche per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi e per integrare le raccomandazioni della Taskforce on Climate-related Financial Disclosures (TCFD). Inoltre, UBP Asset Management (Europe) S.A. ha aderito all’iniziativa Net Zero Asset Managers per ridurre le emissioni di carbonio dei suoi portafogli e promuovere gli investimenti in soluzioni a favore del clima nell’intento di raggiungere l’obiettivo zero emissioni nette entro il 2050 al più tardi.

In qualità di investitore attivo, UBP esercita i suoi diritti di voto e sostiene i principi della sostenibilità con la sua politica del voto per procura. Inoltre, l’impegno è un elemento fondamentale del nostro approccio d’investimento. Crediamo che unire le forze con altri investitori quando acquisiamo esposizioni nelle società possa influenzare maggiormente il loro comportamento e le incoraggi a pubblicare informazioni.

UBP considera il proprio coinvolgimento come lo strumento di un processo a lungo termine di azionariato attivo basato sulla convinzione che i cambiamenti nell’attività societaria producono effetti positivi sul valore della società. Abbiamo altresì sviluppato alcuni questionari tematici che trattano aspetti tra cui la biodiversità o la strategia climatica per le società dell’energia e le utilities.

UBP, attenta alle situazioni in cui potrebbe essere disponibile solo una quantità limitata di informazioni per gestire gli effetti negativi, si impegna a compiere ogni sforzo per ottenere le informazioni necessarie dalle società in cui investe e dai fornitori esterni di dati.

Per maggiori dettagli leggete la nostra politica di investimento responsabile.

*Questa informativa è la dichiarazione congiunta sui principali effetti negativi per la sostenibilità di UBP Asset Management (Europe) S.A., UBP Asset Management (France) e Union Bancaire Privée (Europe) S.A. Luxembourg.