1. Know-how negli investimenti
  2. Azioni statunitensi
Menu
Know-how negli investimenti

Azioni statunitensi

Azioni statunitensi

Nei diversi settori e comparti dell’universo delle large cap statunitensi sottovalutate esistono tuttora numerose opportunità d’investimento che possono essere ottimizzate selezionando azioni statunitensi di società che dimostrano un buon potenziale di competitività e redditività nel lungo termine. Il mercato azionario statunitense è sostanzialmente efficiente, ma piuttosto dominato dalle emozioni, quindi ha in serbo buone possibilità per gli investitori disciplinati. In un contesto contrassegnato da abbondante liquidità e basso costo del denaro, l’allocazione può essere un po’ meno disciplinata rispetto alle fasi di costo del denaro elevato. In caso di contrazione della liquidità e alto costo del denaro, gli investitori sono più selettivi nella selezione di titoli e prestano maggiore attenzione alle valutazioni.



Opportunità

  • La minore correlazione tra singole azioni sul mercato statunitense è favorevole ai selezionatori attivi di azioni.
  • La riforma fiscale dovrebbe migliorare la competitività delle imprese statunitensi.
  • L’accelerazione della crescita globale è molto positiva per le imprese e le azioni statunitensi.
  • I diversi stili e un universo dinamico delle small cap offrono numerose opportunità agli investitori.

AJO

Filosofia e processo d’investimento

Fondata nel 1984 da Ted Aronson, AJO è una società indipendente di consulenza in investimenti con uno spiccato spirito imprenditoriale. La società in accomandita semplice è detenuta al 100% dai suoi diciassette azionisti attivi. Il team, con un orientamento «Value», è convinto che per conseguire performance superiori occorra considerare diverse categorie di variabili, tra cui valore, management, momentum e clima di fiducia. L’analisi dei titoli è più efficace se il valore è misurato rispetto a un gruppo di pari. I pilastri portanti del processo sono dunque costituiti dalla valutazione e dalla diversificazione tra i «peer group». AJO si concentra sulle società ben gestite, con utili di qualità, valutazioni di mercato relativamente basse, un momentum positivo in termini di prezzi e utili e un clima di fiducia favorevole al mercato. La strategia d’investimento è ottimizzata per diversificare i rischi eterogenei delle azioni statunitensi.

Gestore degli investimenti

Theodore R. Aronson è il fondatore, socio accomandatario e amministratore di AJO, per la quale lavora da quasi 35 anni. Ha conseguito un Bachelor, un Master, è stato presidente del CFA Institute (prima AIMR) e ha ottenuto la designazione di Chartered Investment Counselor.

Adams Funds

Filosofia e processo d’investimento

Adams Funds è una società indipendente di consulenza in investimenti con uno spiccato spirito imprenditoriale, come AJO. Le small cap hanno differenti caratteristiche di rischio/rendimento che possono accrescere la performance nel tempo. Rispetto alle società a maggiore capitalizzazione, con questi titoli è anche più agevole e veloce adeguare le loro strategie per rispondere ai cambiamenti intervenuti sul mercato. La strategia d’investimento abbina un modello quantitativo alla ricerca fondamentale. Il processo attua misure di controllo oltre a limitare l’esposizione nei diversi settori e comparti nonché la ponderazione delle singole azioni. Il team ricorre al modello quantitativo per restringere l’obiettivo, quindi applica l’analisi fondamentale. Il fondo beneficia dell’effetto leva che deriva dal modello orientato all’intero mercato e ottiene valore aggiunto grazie a una fondata ricerca fondamentale sui titoli che saranno infine selezionati.

Gestore degli investimenti

Mark Stoeckle è Chief Executive Officer e senior portfolio manager con oltre 35 anni di esperienza professionale. Ha detenuto diverse posizioni nell’asset management internazionale e in società di consulenza e ha conseguito un Bachelor e un MBA.


Fondi

Strategie in azioni statunitensi

Investment Manager

Cédric Le Berre

Cédric joined UBP in July 2013 in a dual role of product specialist and fund analyst. He is responsible for representing our range of external managers inside and outside the firm. He covers mainly US, EM and Japanese equities.

Più

Clienti istituzionali

Con i suoi oltre 200 professionisti, UBP Asset Management ha costruito una presenza locale sui principali mercati mondiali grazie a una crescita organica e selezionate partnership.

La nostra gamma di fondi

Fondi

Scoprite tutti i nostri fondi.

Market insight 15.02.2019

US: weak industrial production and mixed empire manufacturing

US: Industrial production (Jan): -0.6% m/m vs 0.1% expected (prior: 0.1% revised from 0.3%)

  • The decline in IP was driven by a 0.9% drop in manufacturing output, which was largely driven by an 8.8% m/m plunge in motor vehicle output, which reversed a 4.3% surge in December. But there were also signs of weakness in other sectors, which machinery and electronics production both declining.
  • With the latest retail sales data, this provides further reason to think that the Fed won't be raising rates any time soon.

 

US: Empire manufacturing (Feb): 8.8 vs 7 expected (prior: 3.9)

  • While the index rose in Feb, the composition was mixed as the new orders index increased, but the shipments and employment components both declined. The prices paid measure decreased and the 6 months-ahead business conditions index rebounded sharply by 14.5pt to +32.3.

 

US: Consumer confidence (Michigan) (Feb P): 95.5 vs 93.7 expected (prior: 91.2)

  • Sentiment has rebounded more than expected; sentiment on current situation has increased lower than expected, while expectations rose higher than expected.

 

US: Import price index (Jan): -0.5% m/m vs -0.2% expected (prior: -1%)

  • The decline reflected a drop in the fuel category (-3.2% m/m).
  • Overall, the report was soft as consumer goods import prices fell at their fastest pace in 7 months and auto prices fell by 0.2% m/m.

 

UK: Retail sales (Jan): 1.2% m/m vs 0.2% expected (prior: -1% revised from -1.3%)

  • Sales ex fuel were up by 1.2% m/m vs 0.2% m/m expected (-1% the prior month); Internet sales have rebounded by 3.7% m/m and represent 18.8% of total sales (prior: 19.8%).
  • Overall, retail sales rebounded as clothing discounts attracted shoppers but downside risks could continue to weigh on consumption as political scenario remains unclear.

 

Spain: CPI (Jan F): -1.7% m/m as expected (prior: -0.5%)

  • On a y/y basis: 1% as expected (prior: 1.2%).
  • Clothing and footwear have driven trend in headline prices lower (-15.4% m/m), while transportation rose by 0.3% m/m.