1. Know-how negli investimenti
  2. US Equities
Menu

Il mercato statunitense, che rappresenta oltre il 40% della capitalizzazione di mercato mondiale, deve rimanere un elemento importante dell’asset allocation per gli investitori che sono alla ricerca di performance a lungo termine.



LE RAGIONI DELL’INVESTIMENTO

A differenza dei mercati emergenti, per i quali la corporate governance e il clima di fiducia generale potrebbero rivelarsi difficili in alcune fasi, gli Stati Uniti rimangono il miglior mercato nel quale investire in termini di liquidità e trasparenza. Hanno dato prova di solidità negli ultimi vent’anni e il mondo delle imprese americane ha dimostrato la sua capacità di reagire molto rapidamente alle crisi economiche o finanziarie.

  • Le società statunitensi registrano free cash flow ai massimi storici, bilanci non indebitati e strutture efficienti dei costi.
  • I programmi di riacquisto delle azioni forniscono al mercato un solido sostegno.
  • Le attività di fusione e acquisizione fungono da catalizzatori e favoriscono il progresso dei mercati azionari.
  • Le valutazioni azionarie si confermano ragionevoli con un significativo potenziale di miglioramento.

FILOSOFIA D’INVESTIMENTO & TEAM D’INVESTIMENTO

UBP ha stipulato partnership con gestori affermati e ai vertici della loro categoria per l’esposizione sul mercato azionario statunitense. Questi gestori coprono i settori delle small & mid cap e dei titoli Value; ogni gestore ha una sua filosofia d’investimento specifica e un team di gestione dedicato con una fondata esperienza.

Più

Clienti istituzionali

Con i suoi oltre 200 professionisti, UBP Asset Management ha costruito una presenza locale sui principali mercati mondiali grazie a una crescita organica e selezionate partnership.

La nostra gamma di fondi

Fondi

Scoprite tutti i nostri fondi.

Analisi 14.08.2018

Oil demand stays firm

WTI oil prices are down almost 10% since the beginning of July. At the beginning of August, oil prices started their longest weekly losing streak in three years. The US/China trade tensions fuelled concerns that global economic growth could slow, weakening worldwide energy demand.