1. Newsroom
  2. UBP: l’utile netto sale a 220,4 milioni di CHF (+25% a/a)
Menu
Comunicati stampa 18.01.2018

UBP: l’utile netto sale a 220,4 milioni di CHF (+25% a/a)

UBP: l’utile netto sale a 220,4 milioni di CHF (+25% a/a)

Lʼutile netto dell’esercizio 2017 si attesta a 220,4 milioni di CHF, in aumento del 25% e di 44 milioni di CHF rispetto al dato di fine 2016 pari a 176,4 milioni di CHF. Il cost/income ratio, a dimostrazione dei solidi risultati del Gruppo, si è ridotto a quota 64,1%, in miglioramento rispetto al 67,9% riportato a fine 2016. Il patrimonio in gestione sale a 125,3 miliardi di CHF, riportando una crescita del 5,9% rispetto ai 118,3 miliardi di CHF di fine 2016.


Investimenti fruttuosi

I mercati azionari rialzisti sono stati di supportato per i ricavi, che sono saliti a quota 1,045 miliardi di CHF dai 934,6 milioni di fine 2016. Tale incremento è ascrivibile anche a un aumento delle commissioni del 14,2%, indotto dalla notevole crescita dei mandati di consulenza o discrezionali tra i clienti privati, nonché al miglioramento del margine d’interesse pari a 25 milioni di CHF (+10,1%), legato in particolare al rialzo dei tassi dʼinteresse sul dollaro.

I costi dʼesercizio sono rimasti sotto controllo attestandosi a 669,6 milioni di CHF, in crescita del 5,5% dai 634,7 milioni di CHF riportati nel 2016. Tale incremento è dovuto in gran parte alla piena incidenza dell’integrazione di Coutts in Asia (finalizzata nellʼaprile 2016) e alle assunzioni effettuate in quella regione. Inoltre, tale aumento riflette anche i costi più elevati legati allʼattuazione delle normative e gli importanti investimenti nell’offerta digitale.

Il risultato operativo al lordo degli accantonamenti sale del 41,4% e raggiunge quota 271,2 milioni di CHF (contro i 191,9 milioni di CHF di fine 2016), sostenuto dalle attività di intermediazione e di consulenza che hanno beneficiato delle solide performance conseguite dai prodotti della divisione Asset Management, nonché del lancio di offerte dʼinvestimento innovative.

La redditività del Gruppo è dunque sensibilmente migliorata nel 2017, con un utile netto che si è attestato a 220,4 milioni di CHF, in rialzo del 25% dai 176,4 milioni di CHF dell’anno precedente, e un cost/income ratio che è passato al 64,1% dal 67,9% di fine 2016.

Al 31 dicembre 2017, il patrimonio in gestione ha raggiunto quota 125,3 miliardi di CHF, in crescita del 5,9% (+7 miliardi di CHF) rispetto ai 118,3 miliardi di CHF del precedente esercizio. I mercati in salita, gli afflussi netti provenienti dai clienti istituzionali (2,5 miliardi di CHF) e nuovi capitali provenienti dalla clientela privata nei mercati emergenti hanno più che compensato i deflussi legati ai processi di regolarizzazione fiscale in atto prevalentemente tra clienti non europei.

Guy de Picciotto, CEO di UBP, commenta: “Abbiamo senzʼaltro beneficiato di una congiuntura particolarmente propizia e di mercati favorevoli, ma questi risultati testimoniano anche e soprattutto gli sforzi e gli investimenti compiuti dal Gruppo negli ultimi anni, specialmente in Asia. La nostra performance del 2017 è stata conseguita in un contesto economico di supporto, ma riflette anche il buono stato di salute di cui gode il settore bancario svizzero”.

Fondamentali solidi

A fine 2017, il bilancio del gruppo ha riportato un totale di 32 miliardi di CHF, mettendo a segno un aumento di 1,2 miliardi di CHF rispetto ai 30,8 miliardi di CHF riportati a fine 2016. Lʼindice di capitalizzazione Tier 1 si attesta al 27,4%, confermandosi di gran lunga al di sopra del requisito minimo richiesto da Basilea III e della FINMA.

La gestione prudente del bilancio che caratterizza la Banca si riflette anche nel quoziente di liquidità di breve termine che si colloca al 278,4%, ossia 2,8 volte il minimo richiesto da Basilea III.

UBP è una delle banche con la maggior capitalizzazione nel suo ambito operativo e dispone della base finanziaria necessaria allo sviluppo delle proprie attività di wealth management per clienti privati e istituzionali.

Risultati 2017

Download the Press Release in the following languages:

English
Français
Deutsch
Italiano
Español
Simplified Chinese
Traditional Chinese
Dutch
Russian
Arabic


Newsletter

Sign up to receive UBP’s latest news & investment insights directly in your inbox

Click and enter your email address to subscribe

Investimenti responsabili

Creare valore con investimenti responsabili

Maggiori informazioni sugli investimenti responsabili

Guardate il video

Le news più lette

UBP in the press 19.06.2018

Geneva private bank UBP expands in Zurich

NZZ am Sonntag (17.06.18) - By Daniel Hug and Albert Steck.

Union Bancaire Privée has doubled the assets it has under management in Zurich in five years. CEO Guy de Picciotto wants free access to the EU market, which he can currently only gain indirectly.

UBP in the press 12.06.2018

UBP's takeover of Banque Carnegie

The Luxembourg Times (05.06.18) spoke to Michel Longhini, CEO of private banking at UBP, about the acquisition, the strategy in Luxembourg and the potential for more takeovers.

UBP in the press 28.05.2018

Unconstrained active bond managers prove their worth

Agefi Indices (May 2018) - The upturn in market volatility in early 2018, along with the gradual return to normal in inflation and interest rates, is working in favour of active bond managers.

Altro da leggere

UBP in the press 19.06.2018

Geneva private bank UBP expands in Zurich

NZZ am Sonntag (17.06.18) - By Daniel Hug and Albert Steck.

Union Bancaire Privée has doubled the assets it has under management in Zurich in five years. CEO Guy de Picciotto wants free access to the EU market, which he can currently only gain indirectly.

UBP in the press 12.06.2018

UBP's takeover of Banque Carnegie

The Luxembourg Times (05.06.18) spoke to Michel Longhini, CEO of private banking at UBP, about the acquisition, the strategy in Luxembourg and the potential for more takeovers.

UBP in the press 28.05.2018

Unconstrained active bond managers prove their worth

Agefi Indices (May 2018) - The upturn in market volatility in early 2018, along with the gradual return to normal in inflation and interest rates, is working in favour of active bond managers.