1. Newsroom
  2. Union Bancaire Privée: utile netto di 90 milioni di CHF (+13% a/a)
Menu
Comunicati stampa 22.07.2016

Union Bancaire Privée: utile netto di 90 milioni di CHF (+13% a/a)

Union Bancaire Privée: utile netto di 90 milioni di CHF (+13% a/a)

Union Bancaire Privée, UBP SA ha chiuso il primo semestre 2016 con un utile netto di 90 milioni di CHF 2016, in aumento del 13% rispetto ai 79,5 milioni di CHF di fine giugno 2015.

 


Risultati semestrali 2016

  • Union Bancaire Privée, UBP SA ha chiuso il primo semestre 2016 con un utile netto di 90 milioni di CHF 2016, in aumento del 13% rispetto ai 79,5 milioni di CHF di fine giugno 2015.
  • Il patrimonio in gestione ha raggiunto la quota di 113,5 miliardi di CHF a fine giugno 2016, in confronto ai 110 miliardi di CHF di fine dicembre 2015.

Effetti positivi dell’integrazione delle attività di Coutts International

I proventi dell’attività hanno beneficiato ampiamente dell’integrazione della clientela di Coutts International, avviata nell’ottobre 2015, e hanno riportato un aumento di 77 milioni di CHF (+20%) rispetto ai 376 milioni di CHF dello stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi a fine giugno 2016 a 453 milioni di CHF.

I costi d’esercizio hanno raggiunto i 294,5 milioni di CHF, contro i 249,1 milioni di CHF di fine giugno 2015, con un aumento di 45 milioni di CHF (+18%) ascrivibile principalmente ai costi derivanti dall’integrazione delle attività di Coutts International.

Di conseguenza, l’utile operativo si è attestato a 110,5 milioni di CHF rispetto ai 90,8 milioni di CHF dei primi sei mesi dell’anno precedente (+21,7%) e l’utile netto ha raggiunto i 90 milioni di CHF. E’ migliorato anche il cost/income ratio (al netto di ammortamenti e accantonamenti), che a fine giugno 2016 è stato pari al 65%.

UBP ha chiuso i primi sei mesi del 2016 con un patrimonio in gestione di 113,5 miliardi di CHF, in aumento rispetto ai 110 miliardi di CHF riportati a fine dicembre 2015. Il trasferimento delle attività in seguito all’acquisizione della clientela di Coutts Asia, avvenuta nell’aprile 2016, per un controvalore di 8,2 miliardi di CHF, compensa ampiamente gli effetti di cambio negativi (-1,6 miliardi di CHF) nonché i deflussi di capitali registrati nell’Asset Management e la perdita di clienti privati dovuta al programma di regolarizzazione in corso (per un totale di -2,6 miliardi di CHF).

Confermata la solidità finanziaria

L’indice di capitalizzazione Tier 1, che dopo l’acquisizione si attesta al 22,3%, è quindi di gran lunga superiore al minimo richiesto da Basilea III e dalla FINMA e conferma la solidità finanziaria del Gruppo. Il bilancio ha riportato un totale di 28,66 miliardi di CHF e la quota di liquidità a breve termine è arrivata al 273,1%.

«L’acquisizione delle attività internazionali di Coutts comincia a portare i suoi frutti, come dimostra il progresso dei nostri proventi e degli asset. In concomitanza con un buon controllo dei costi, questo aumento ci consente di migliorare la redditività, nonostante le condizioni rese difficili dall’incertezza e dalla volatilità che dominano i mercati finanziari», spiega Guy de Picciotto, CEO di UBP.


Download the document in the following language:

English
Français
Deutsch
Italiano
Español
Arab
Chinese


Download the Mid-Year Financial Results 2016 in the following languages:

English
Français

Small and mid caps

A fertile hunting ground for active managers

Learn more about our expertise on small and mid caps

Watch the video

Le news più lette

UBP in the press 15.02.2018

Perché puntare sulle convertibili nella fase avanzata del ciclo economico

A 2018 avviato, dopo un anno di record, una domanda è sulla bocca di tutti: cosa ci si può ragionevolmente aspettare da ora in avanti?

UBP in the press 07.02.2018

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Nel 2017 le small cap europee hanno registrato una solida performance, con un rendimento del 19,03% da parte dell'indice MSCI Europe Small Cap, rispetto al rendimento dell'indice MSCI Europe del 10,24%*. Le imprese più piccole hanno registrato notevoli risultati per diversi anni dopo la crisi finanziaria e hanno messo a punto nel lungo periodo un track record di buoni ritorni relativi.

UBP in the press 06.02.2018

Swiss equities: sustained growth driven by emerging countries

Contrary to some small- & mid-cap (SMID) segments of stock indices, the SPI Extra is not necessarily more of a reflection of the domestic economy than the wider Swiss equity market, where more than 90% of company revenues are generated abroad. Swiss SMIDs are broadly as international.

Altro da leggere

UBP in the press 15.02.2018

Perché puntare sulle convertibili nella fase avanzata del ciclo economico

A 2018 avviato, dopo un anno di record, una domanda è sulla bocca di tutti: cosa ci si può ragionevolmente aspettare da ora in avanti?

UBP in the press 07.02.2018

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Nel 2017 le small cap europee hanno registrato una solida performance, con un rendimento del 19,03% da parte dell'indice MSCI Europe Small Cap, rispetto al rendimento dell'indice MSCI Europe del 10,24%*. Le imprese più piccole hanno registrato notevoli risultati per diversi anni dopo la crisi finanziaria e hanno messo a punto nel lungo periodo un track record di buoni ritorni relativi.

UBP in the press 06.02.2018

Swiss equities: sustained growth driven by emerging countries

Contrary to some small- & mid-cap (SMID) segments of stock indices, the SPI Extra is not necessarily more of a reflection of the domestic economy than the wider Swiss equity market, where more than 90% of company revenues are generated abroad. Swiss SMIDs are broadly as international.