1. Newsroom
  2. Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee
Menu
UBP in the press 07.02.2018

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Nel 2017 le small cap europee hanno registrato una solida performance, con un rendimento del 19,03% da parte dell'indice MSCI Europe Small Cap, rispetto al rendimento dell'indice MSCI Europe del 10,24%*. Le imprese più piccole hanno registrato notevoli risultati per diversi anni dopo la crisi finanziaria e hanno messo a punto nel lungo periodo un track record di buoni ritorni relativi.


I vantaggi di investire in società di piccole dimensioni nell'ambito di un portafoglio diversificato sono spesso trascurati dagli investitori. È chiaro che le imprese più piccole possono essere esposte a livelli leggermente più elevati di volatilità nel breve termine, ma gli investitori a lungo termine in un portafoglio diversificato sono compensati da rendimenti positivi aggiustati per il rischio. L'universo delle small cap ha una maggiore esposizione ai settori nascenti, più innovativi e in più rapida crescita. Semplicemente essere più piccoli comporta una maggior facilità di produrre tassi più elevati di crescita delle vendite, degli utili e del flusso di cassa, derivanti spesso da un business più mirato e flessibile. E man mano che le piccole imprese crescono e diventano più conosciute dal mercato, esse attirano maggiore attenzione da parte degli investitori e la liquidità migliora, contribuendo in tal modo a ridurre il premio per il rischio di liquidità. Questi fattori possono creare una combinazione forte.

Inoltre, il mercato delle small cap è relativamente inefficiente, con bassi livelli di copertura da parte degli analisti. Ciò si traduce in un flusso di informazioni meno dinamico e in maggiori livelli di inefficienza, il che significa che gli investitori possono beneficiare delle anomalie di prezzo. Con l'avvento della MiFID II che crea un certo disagio circa il modo in cui viene pagata la ricerca degli analisti, è improbabile che nel medio termine si raggiunga un livello più elevato di copertura delle small cap. Di conseguenza, è probabile che il mercato rimanga un terreno di caccia favorevole per gli investitori attivi alla ricerca di interessanti opportunità di crescita nel 2018 e oltre.

Quest’anno infatti, molti degli stessi driver sottostanti che abbiamo visto nel 2017 rimangono in vigore. Le recenti letture dei sondaggi PMI del settore manifatturiero e dei servizi in Europa sono rimaste solide e sia le economie dell’Europa continentale che quelle dell’Europa periferica stanno compiendo buoni progressi. Ciò è di buon auspicio per le small cap che in passato hanno avuto una correlazione con i sondaggi PMI. Le previsioni di mercato per le small cap indicano una crescita degli utili nell’ordine del 15% circa, mentre le valutazioni rimangono sostanzialmente in linea con quelle delle loro controparti large cap se considerate su base equamente ponderata. In questo momento le imprese francesi sono particolarmente interessanti per gli investitori in small cap, poiché il clima imprenditoriale migliora e le imprese cominciano a vedere i primi benefici delle riforme del mercato del lavoro, con ulteriori potenziali benefici derivanti dalla riforma fiscale. Le imprese irlandesi continuano a beneficiare fortemente di un quadro macroeconomico in miglioramento, favorito dalle prime riforme messe in atto dal governo irlandese dopo la crisi finanziaria. Da un punto di vista settoriale, anche gli industriali, i servizi alle imprese e l’IT dovrebbero rimanere in una posizione privilegiata per beneficiare del rallentamento dei venti a favore nell' Europa continentale.

More about SMIDs Caps

ANNISS_CHARLES_15.jpg

Charlie Anniss
Small- and Mid-Cap Portfolio Manager, European Equities team

 

Asset class

Japanese equities

Why the current outlook makes a compelling case for Japanese equities

Watch the videos

Le news più lette

UBP in the press 02.04.2019

Zurich: a nerve centre for UBP

Le Temps (29.03.2019) - UBP, which acquired Coutts exactly four years ago, has doubled the amount of assets it manages in Zurich to CHF 25 billion in five years. We spoke to Adrian Künzi, who has headed UBP’s local branch for the last year.

UBP in the press 03.12.2018

It’s all in the family for Union Bancaire Privée's de Picciotto

The Straits Times (25.11.2018) - As times change, CEO’s ambition is to make UBP one of the biggest family-owned banks.

UBP in the press 26.03.2019

UBP is ready for all Brexit eventualities

AWP (25.03.2019) - Union Bancaire Privée (UBP) anticipated the uncertainties surrounding future relations between the United Kingdom and the European Union. By expanding in London with the acquisition of ACPI and maintaining a strong presence in Luxembourg, the Geneva bank is prepared for any outcome, as its CEO Guy de Picciotto explained to AWP.


Altro da leggere

UBP in the press 20.05.2019

Distinction between private and institutional clients fades

Le Temps (20.05.2019) - Wealth management professionals have all noticed that every year the line between private and institutional clients is fading and their specific needs, which used to be so different, are becoming increasingly similar. And the trend is not a passing one.

UBP in the press 09.05.2019

China is the place to invest in equities

Bilan (24.04.2019) - Since China joined the WTO in 2001 and adopted a capitalist approach to its economy, investors have viewed the local financial markets with an equal mix of hope and fear.

UBP in the press 03.05.2019

Volatility Strategy: A Financial Game of Musical Chairs

Agefi (29.04.2019) - Using an overlay strategy to cope with challenging markets