1. Newsroom
  2. Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee
Menu
UBP in the press 07.02.2018

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Azionario, nel 2018 puntare sulle small cap europee

Nel 2017 le small cap europee hanno registrato una solida performance, con un rendimento del 19,03% da parte dell'indice MSCI Europe Small Cap, rispetto al rendimento dell'indice MSCI Europe del 10,24%*. Le imprese più piccole hanno registrato notevoli risultati per diversi anni dopo la crisi finanziaria e hanno messo a punto nel lungo periodo un track record di buoni ritorni relativi.


I vantaggi di investire in società di piccole dimensioni nell'ambito di un portafoglio diversificato sono spesso trascurati dagli investitori. È chiaro che le imprese più piccole possono essere esposte a livelli leggermente più elevati di volatilità nel breve termine, ma gli investitori a lungo termine in un portafoglio diversificato sono compensati da rendimenti positivi aggiustati per il rischio. L'universo delle small cap ha una maggiore esposizione ai settori nascenti, più innovativi e in più rapida crescita. Semplicemente essere più piccoli comporta una maggior facilità di produrre tassi più elevati di crescita delle vendite, degli utili e del flusso di cassa, derivanti spesso da un business più mirato e flessibile. E man mano che le piccole imprese crescono e diventano più conosciute dal mercato, esse attirano maggiore attenzione da parte degli investitori e la liquidità migliora, contribuendo in tal modo a ridurre il premio per il rischio di liquidità. Questi fattori possono creare una combinazione forte.

Inoltre, il mercato delle small cap è relativamente inefficiente, con bassi livelli di copertura da parte degli analisti. Ciò si traduce in un flusso di informazioni meno dinamico e in maggiori livelli di inefficienza, il che significa che gli investitori possono beneficiare delle anomalie di prezzo. Con l'avvento della MiFID II che crea un certo disagio circa il modo in cui viene pagata la ricerca degli analisti, è improbabile che nel medio termine si raggiunga un livello più elevato di copertura delle small cap. Di conseguenza, è probabile che il mercato rimanga un terreno di caccia favorevole per gli investitori attivi alla ricerca di interessanti opportunità di crescita nel 2018 e oltre.

Quest’anno infatti, molti degli stessi driver sottostanti che abbiamo visto nel 2017 rimangono in vigore. Le recenti letture dei sondaggi PMI del settore manifatturiero e dei servizi in Europa sono rimaste solide e sia le economie dell’Europa continentale che quelle dell’Europa periferica stanno compiendo buoni progressi. Ciò è di buon auspicio per le small cap che in passato hanno avuto una correlazione con i sondaggi PMI. Le previsioni di mercato per le small cap indicano una crescita degli utili nell’ordine del 15% circa, mentre le valutazioni rimangono sostanzialmente in linea con quelle delle loro controparti large cap se considerate su base equamente ponderata. In questo momento le imprese francesi sono particolarmente interessanti per gli investitori in small cap, poiché il clima imprenditoriale migliora e le imprese cominciano a vedere i primi benefici delle riforme del mercato del lavoro, con ulteriori potenziali benefici derivanti dalla riforma fiscale. Le imprese irlandesi continuano a beneficiare fortemente di un quadro macroeconomico in miglioramento, favorito dalle prime riforme messe in atto dal governo irlandese dopo la crisi finanziaria. Da un punto di vista settoriale, anche gli industriali, i servizi alle imprese e l’IT dovrebbero rimanere in una posizione privilegiata per beneficiare del rallentamento dei venti a favore nell' Europa continentale.

More about SMIDs Caps

ANNISS_CHARLES_15.jpg

Charlie Anniss
Small- and Mid-Cap Portfolio Manager, European Equities team

 

Newsletter

Sign up to receive UBP’s latest news & investment insights directly in your inbox

Click and enter your email address to subscribe

Investimenti responsabili

Creare valore con investimenti responsabili

Maggiori informazioni sugli investimenti responsabili

Guardate il video

Le news più lette

UBP in the press 14.09.2017

Exclusive interview with Guy de Picciotto

Neue Zürcher Zeitung (NZZ) - Guy de Picciotto, CEO of Geneva-based bank UBP, believes the financial sector could be at the start of a new era, past problems have been solved, and banks now have the chance to draw on their traditional strengths.

UBP in the press 12.09.2017

Five questions to Norman Villamin

NZZ am Sonntag (10.09.2017) - Interview with Norman Villamin, Chief Investment Officer (CIO) Private Banking and Head of Asset Allocation.

UBP in the press 09.10.2017

Active management still popular among investors

Market - With a team of more than 200 professionals, Union Bancaire Privée (UBP) has become a top-tier asset manager. UBP focuses on active management and is now a major player in the asset management industry. We spoke to Nicolas Faller, co-CEO of Asset Management at UBP.

Altro da leggere

UBP in the press 25.07.2018

Convertibles sparking investors’ interest

With the entry into an advanced phase of the economic cycle, companies have been looking at convertible bonds with fresh eyes as a valid alternative to traditional debt instruments to finance their growth.

UBP in the press 16.07.2018

Eric Morin covers a lot of ground in his role

cpjobs.com (14.07.2018) - It may not feature on his CV or official job description, but one of Eric Morin’s key skills is the ability to perform an astute balancing act. Doing that, though, has become second nature to him thanks to more than 30 years in finance and wealth management and a knack for managing change, planning adjustments, and taking a studied approach to every new initiative.

UBP in the press 13.07.2018

Markets: overlay strategies are up to today’s challenges

Equity markets still offer attractive investment opportunities, but since the beginning of the year they have seen increased volatility. In these conditions, overlay strategies can be an interesting solution for investors.